UNDER 16 ELITE


Sveglia che ripartiamo 

 

In men che non si dica è ricominciata l’avventura dei nostri under 16 élite. Quest’anno dovremo fare a meno di Beso, in forza alla GrissinBon nel campionato ͞eccellenza͟. Felice rientro in forza stabile invece quello di Alle Neri, che va a ripristinare il numero, numero che poteva avere delle defezioni importanti dopo che era arrivata la notizia di un interessamento per Enry, Bright e Pietro, da parte di Fortitudo...Niente di fatto per quest’anno, come un niente di fatto per fortuna è stata la partenza di Veiz in terra friulana... Così coach Smerieri può avere una rosa completa su cui lavorare... Eh sì, avete letto bene, non c’è più Dibe. Sergio Smerieri, insieme al confermato Zavvo, ha subito iniziato una scrupolosa preparazione, E appena la squadra ha preso forma abbiamo potuto agevolmente portare a casa il primo trofeo del quadrangolare Pilotti organizzato dalla Masi, battendola per 77 a 48... Il giorno prima avevamo battuto Cesenatico 75 a 57. Smerieri inoltre recluta Alle Bussoli come raccoglitore dati al tavolo di ogni partita, dati preziosissimi che poi gli serviranno sia in fase di convocazione, sia in fase di allenamento. Altro mezzo di studio è la ripresa della partita, il cameramen incaricato è Luca Colombini. Riconfermata anche la Michelina, dispensatrice di buonissimi prodotti sia tra quelli di sua produzione, sia tra quelli ai mille sapori più uno. Altra conferma importante: aldilà della linea di fondo ci sono Paolo e Franco con le loro macchine fotografiche, pronti come sempre ad immortalare le gesta dei nostri atleti. Veniamo alle note dolenti...Il campionato è iniziato male. La prima partita è la trasferta con una forte: Riccione. Siamo sempre sotto, ma per 4 volte li riusciamo quasi a raggiungere, e per 4 volte Riccione scappa. A 2 minuti dal termine li raggiungiamo, ma il ferro ci impedisce il sorpasso, sulla ripartenza Riccione ci infilza, Enry e Colombini, gli ultimi ad arrendersi del Vignola, non riescono ad arginare il distacco, ricorriamo ai falli sistematici ma Riccione dalla lunetta è impeccabile e torniamo a casa battuti per 70 a 62... Dopo una settimana di lavoro, Sergio e i suoi affrontano tra le mura domestiche la new entry in élite, Granarolo... Per 3 quarti la partita è abbastanza equilibrata, non riusciamo mai a chiuderla allontanandoci troppo, Enry, si inventa dei canestri funambolici, e anche se in difesa deve ancora lavorarci parecchio, sono molti i rimbalzi che prende. Così, insieme agli ottimi Veiz e Fede, che erano rimasti un po’ in ombra a Riccione, torna il sorriso a tutta la squadra e ai tifosi, il risultato, con un divario maturato tutto nell’ultimo quarto è di 77 a 62. Malissimo invece la terza di campionato in casa Salus, dove ne prendiamo per castigo... Sempre in ombra, (e non solo per le fioche luci in tribuna) abbiamo un tracollo nel terzo quarto dove prendiamo un incolmabile più 15. Serata in cui pochissimi dei nostri cercano di reagire. Sconfitta per certi aspetti più brutta di quella di Riccione. Una squadra troppo arrendevole nonostante gli sforzi di Sergio di riportarci alla ragione. Degno di nota almeno l’inizio di campionato di Alle Trenti (Aveva saltato le prime due partite), e un Pietro che pare aver dimenticato la brutta prestazione contro Granarolo. Da dimenticare la prestazione di Fede, che chiude la gara per la prima volta dopo tempo immemore con zero canestri, Anche Enry sotto il suo solito standard, magistrale invece Veiz, buona la prova di Bright, Francy invece comincia a segnare quando ormai è troppo tardi. Ricomincia ora una settimana di duro lavoro. Buon lavoro a tutti.

 

Cristian Trenti